Friuli Venezia Giulia Udine

RIORDINO DEL SISTEMA SANITARIO E POLITICHE SOCIALI IN FVG

Riordino del sistema sanitario e politiche sociali in Fvg: cosa cambia per i cittadini? A questa domanda ha risposto il Vicepresidente regionale con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, a Udine, nel corso dell’incontro pubblico promosso da Federsanità Anci Fvg, Comune di Udine, Ufficio Città Sane Udine e Capla Fvg - di cui CNA Pensionati FVG è membro. 

"In dieci mesi di legislatura - ha affermato l’assessore - abbiamo modificato il modello di governo del sistema sanitario e stiamo lavorando per proseguire a dare risposte al bisogno di salute del cittadino, ma il sistema ha bisogno di cure da cavallo e le soluzioni a breve termine non ci sono. Già dal prossimo anno, con la riduzione delle aziende sanitarie, cambieranno i flussi, ovvero i percorsi dei pazienti verso le strutture sanitarie, e verrà modificato anche il rapporto fra l'ospedale di rete e l'hub. Un forte impegno sarà dedicato, poi, al dialogo fra il sistema ospedaliero e territoriale. Abbiamo lavorato sul modello organizzativo per dare risposte ai cittadini in un quadro che prevede pochi medici, risorse bloccate e una società in cui si è allungata l'aspettativa di vita, grazie alla scienza e a migliori modi di vivere, che richiede risposte organizzative diverse per affrontare le cronicità".

Il ritardo del sistema informativo e la mancata formazione sulla classe media manageriale all'interno delle aziende rientrano fra i problemi del sistema salute. “C’è la necessità di investire - ha sottolineato il vicegovernatore - perché ci sono qualificate professionalità che possono crescere e garantire una nuova stagione al sistema sanitario regionale". Un altro dei temi affrontati da Riccardi ha riguardato l'esigenza di spostare i servizi al di fuori degli ospedali. "Per farlo - ha spiegato - i distretti dovranno avere maggiore capacità di offrire prestazioni specialistiche ed il sistema pubblico dovrà incrementare la quota di convenzionamento con i privati che ora si attesta al 3,8% contro il 15% del Veneto e il 30% della Lombardia".

A conclusione dell’evento, Riccardi ha invitato la platea ad una riflessione: "Abbiamo ancora delle situazioni da riordinare ma serve un'alleanza fra tutti per comprendere anche quelle scelte che possono sembrano ingiuste, ma che sono volte a garantire a ciascuno di noi il sistema della salute". 

Se desideri rimanere informato sulle novità in campo sanità scrivici a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o seguici su www.cnapensionatifvg.it.

copertina verdeta69 01

banner essere cna

banner unipol

>>> INGRANDISCI <<<

Testimonianze di "Nonni per le città" all'Assemblea Nazionale di CNA Pensionati"

Sergio Silvestrini: "Problema sicurezza percepito drammaticamente soprattutto dagli anziani"

Spot radiofonici

BannerTIM

Al via il progetto "Nonni per le città"

Festa Nazionale CNA Pensionati

TG5 ore 8. Indagine SWG per CNA Pensionati: solo un pensionato su 4 riesce a mantenere i famigliari senza difficoltà (27/08/17)

TG5 ore 00,50. Indagine SWG per CNA Pensionati: solo 1 pensionato su 4 ha una vita dignitosa (26/08/17)

TGCOM24 ore 17. Indagine SWG per CNA Pensionati: solo il 25% dei pensionati italiani riesce a vivere una vita dignitosa (26/08/17)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi sapere di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca il pulsante "Cookie e Privacy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.