Toscana - Siena - Valorizzare i giovani talenti, meno costi e sempre più trasparenza nelle prenotazioni

Nel convegno Cna a Siena un dibattito su assistenza sanitaria e welfare dopo la riforma regionale

La sanità ed il welfare sono temi centrali per la Cna di Siena, che insieme a 4000 aziende con oltre 10.000 artigiani, rappresenta anche 4500 cittadini in pensione. Per questa ragione è stata organizzata una partecipata iniziativa in cui sono state analizzate le implicazioni a carico dei cittadini, che arriveranno con la nuova riforma della sanità regionale e la suddivisione in aree vaste. 

“Il pensiero della Cna è molto chiaro - ha esordito il presidente Cna Siena Fabio Petri - E’ lo stesso che riguarda ogni altro ente pubblico o servizio ai cittadini: devono essere abbattuti i costi della burocrazia inutile e tagliati come immediata conseguenza gli oneri per utenti ed imprese. Questo riguarda la sanità, ma anche tutto l’universo degli enti locali e delle municipalizzate. L’Italia ha bisogno di un grande cambiamento e la Toscana con la riforma sanitaria ha l’opportunità di prendere una direzione virtuosa. Per noi non è fondamentale, ad esempio, dove sia la sede amministrativa, se a Siena, Arezzo e Grosseto, ma piuttosto chiediamo che siano abbattuti i costi inutili e tariffe, migliorando anche i servizi per gli utenti”. Sulla stessa linea il presidente di Cna Pensionati Siena Roberto Damiani: “I pensionati chiedono una maggior vicinanza della sanità ai cittadini, con servizi più puntuali, costi e tempi accettabili. Devono calare burocrazia, costi e aumentata l’efficienza per gli utenti del sistema sanitario. La costituzione dell’area vasta è un’opportunità da cogliere per migliorare il servizio”.

Al convegno hanno partecipato anche Flavio Civitelli Segretario Regionale Anaao Assomed Toscana, Roberto Monaco Presidente Federazione Toscana Ordine dei Medici e Stefano Scaramelli Presidente Commissione Sanità Regione Toscana. Proprio da quest’ultimo sono giunti gli stimoli più importanti: “Il sistema toscano è un modello di eccellenza, ma ha anche dei limiti e su questi vogliamo lavorare per migliorarli. Non dobbiamo stare fermi e per questo abbiamo già iniziato a fare dei tagli ai costi della burocrazia. I cittadini devono avere la certezza che l'assistenza sarà sempre più puntuale, anche se ovviamente si va verso una specializzazione dei singoli presidi. Da cambiare è anche il metodo di prenotazione delle visite che deve essere razionalizzato e reso sempre più trasparente. Fra i primi atti di mandato abbiamo dato il via al presidio pediatrico nel pronto soccorso di Siena. Stiamo lavorando per rafforzare nei territori anche la prevenzione”. Scaramelli ha parlato anche dei giovani medici: “E’ necessario valorizzare i migliori talenti giovani dell'università, che altrimenti rischiano di andare via dal nostro territorio. Tante di queste sfide partiranno da Siena”.

copertina verdeta68

banner essere cna

banner unipol

>>> INGRANDISCI <<<

Testimonianze di "Nonni per le città" all'Assemblea Nazionale di CNA Pensionati"

Sergio Silvestrini: "Problema sicurezza percepito drammaticamente soprattutto dagli anziani"

Spot radiofonici

BannerTIM

Al via il progetto "Nonni per le città"

Festa Nazionale CNA Pensionati

TG5 ore 8. Indagine SWG per CNA Pensionati: solo un pensionato su 4 riesce a mantenere i famigliari senza difficoltà (27/08/17)

TG5 ore 00,50. Indagine SWG per CNA Pensionati: solo 1 pensionato su 4 ha una vita dignitosa (26/08/17)

TGCOM24 ore 17. Indagine SWG per CNA Pensionati: solo il 25% dei pensionati italiani riesce a vivere una vita dignitosa (26/08/17)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi sapere di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca il pulsante "Cookie e Privacy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.