Pensioni, a luglio arriva la quattordicesima

Non vale per tutti ma nel mese di Luglio per molti pensionati arriva la quattordicesima. La cosiddetta quattordicesima è una somma aggiuntiva che viene corrisposta unitamente alla pensione nel mese di luglio o di dicembre di ogni anno, ai soggetti con almeno 64 anni di età e a determinati limiti di reddito personale del pensionato.

Quanto avviene l’accedito

La data prevista è, normalmente, il 1° luglio 2021. Ma l’accredito segue un calendario anticipato a causa dell’emergenza da Covid-19. Per alcuni soggetti, quindi, il ritiro presso Poste Italiane è possibile già a partire dal prossimo 25 giugno 2021.

Cosa prevede la legge

La Legge di Bilancio 2017 oltre ad avere esteso il diritto ai soggetti con reddito compreso tra 1,5 e 2 volte il trattamento minimo annuo, ha introdotto una fascia di garanzia per coloro che si trovano in situazioni reddituali di confine tra i limiti massimi delle due fasce. In tal caso, la somma aggiuntiva viene concessa fino a concorrenza del limite massimo reddituale incrementato dell’importo del beneficio e quindi in misura ridotta. L’importo è diversificato in relazione agli anni di contribuzione, alla fascia di reddito e alla categoria di pensione (lavoratori dipendenti o lavoratori autonomi). Vediamo di capire come funziona.

Importi

Di seguito si riporta una tabella di sintesi sugli importi spettanti della somma aggiuntiva per l’anno 2021.

Fino a 1,5 volte il trattamento minimo - €. 10.053,81

Anni di contribuzione lavoratori dipendenti

Anni di contribuzione lavoratori autonomi

Somma aggiuntiva

Fino a 15

Fino a 18

€. 437,00

Oltre 15 e fino a 25

Oltre 18 e fino a 28

€. 546,00

Oltre 25

Oltre 28

€. 655,00

Fino a 2 volte il trattamento minimo - €. 13.405,08

Anni di contribuzione lavoratori dipendenti

Anni di contribuzione lavoratori autonomi

Somma aggiuntiva

Fino a 15

Fino a 18

€. 336,00

Oltre 15 e fino a 25

Oltre 18 e fino a 28

€. 420,00

Oltre 25

Oltre 28

€. 504,00

 

Serve una domanda?

In genere, la quattordicesima viene erogata automaticamente dall’INPS. Tuttavia, coloro che non ricevono la somma aggiuntiva e ritengono di averne diritto possono presentare apposita domanda di ricostituzione. In sostanza è possibile recarsi presso un Patronato come il Patronato Epasa-Itaco e chiedere questa verifica all'Inps finalizzata a capire se si rientra o meno nei requisiti.  In caso positivo l'istituto di prevodenza provvederà a erogare l'assegno. 

copertina verdeta

banner essere cna

banner i consigli di samuele

Assemblea Nazionale 2021 - Intervista al Presidente Nazionale Giovanni Giungi

Assemblea Nazionale 2021 - Intervista al Presidente Nazionale CNA Daniele Vaccarino

banner FormazioneMondoDigitale

DIGITAL STORYTELLING
Corsi di formazione con Fondazione Mondo Digitale

banner unipol

>>> INGRANDISCI <<<

Gli auguri di Buona Pasqua del Presidente Giovanni Giungi

Messaggio del Presidente Giovanni Giungi

Messaggio del Presidente Giovanni Giungi

Assemblea Nazionale CNA Pensionati - Ministro della Salute Roberto Speranza

Agenzia Dire, Giungi “Gli anziani possono dare ancora un grande contributo alla comunità

Agenzia Dire, D'Andrea Pensionati ex artigiani a disposizione della comunità”

Agenzia Dire, Decaro ANCI “Nonni per la città” preziosi per trasmissione saperi ai più giovani

Festa Nazionale CNA Pensionati - Sergio Silvestrini Segretario Generale CNA

Festa Nazionale CNA Pensionati - Daniele Vaccarino Presidente Nazionale CNA

Festa Nazionale CNA Pensionati - Vinciano Luca Caricato

Spot radiofonici

Sergio Silvestrini: "Problema sicurezza percepito drammaticamente soprattutto dagli anziani"

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi sapere di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca il pulsante "Cookie e Privacy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.