Si può essere artisti nella terza età? Si!

Ho avuto l’occasione di conoscere una persona che ha iniziato a dedicarsi all'arte alla veneranda età di 77 anni. Passione nata da un corso di pittura ad olio, come distrazione dalla morte della moglie. I colori, i profumi della pittura, le tele, hanno aperto le porte dell’immaginazione di Ettore, che è riuscito addirittura a vendere alcune sue opere. 

La possibilità di essere creativi in età senile, non riguarda però solo i grandi nomi, i talenti, ma è aperta a tutti. Per molti anni si è pensato che la creatività fosse prerogativa dell’infanzia, una modalità di pensiero e di azione relativa ai primi anni di vita, destinata a venir soppiantata, una volta divenuti adulti, dalla razionalità, a parte casi eccezionali di vera e propria “vena artistica”. In effetti, per esprimersi al meglio, la creatività deve essere libera, sciolta cioè da vincoli, dall’inserimento degli elementi in stereotipi sociali come la famiglia, i figli, il lavoro. L’anziano ha già superato questi vincoli, resta ancorato alla famiglia con responsabilità diverse, e ciò gli garantisce la possibilità di esprimere ciò che vuole senza il timore del giudizio. “Scoprire e sperimentare”, senza condizionamenti socio-culturali. Interessante la testimonianza di un'artista di fama internazionale come Jane McAdam Freud, che al congresso “Età e Creatività” di Lucca disse: “Approcciarsi alla terza età significa andare verso la morte ma anche rivedere la propria vita. Un'occasione per alleggerirsi, fare pulizia di tutto ciò che è inutile. Nella terza età, così come quando fai arte, ti connetti alle cose importanti. E non intendo agli oggetti della civilizzazione che ci riempiono la vita. È qualcosa di religioso, che ti fa sentire in pace. Sì è la felicità”.

O si è Michelangelo oppure non si è artisti.

La vera resistenza da superare è la profonda e radicata convinzione dei “non artisti” di non saper disegnare. È un credo così potente che blocca la mano sul foglio, paralizza il cervello e soprattutto svaluta qualsiasi tentativo che si avvicini alla parola arte. In particolare gli italiani hanno insito il pregiudizio che “o si è Michelangelo oppure non si è artisti”. La creatività è presente in ogni individuo e si sviluppa e arricchisce attraverso l’esperienza; e non si esaurisce col tempo, anzi, proprio nelle fasi avanzate della vita, può rappresentare per l’individuo un nuovo spazio di esperienza funzionale all’auto-affermazione e all’espressione vitale di sé. 

La creatività in età senile secondo gli scienziati 

Secondo Bruce Miller, neurologo ed esperto di comportamento, benché il cervello invecchi, non diminuisce la capacità di creare. In precedenza si riteneva che il declino mentale fosse inevitabile con l’invecchiamento. Gli scienziati ora sanno che ciò non è vero, ed il cervello è continuamente in grado di ripristinare i collegamenti e adattarli anche in età avanzata. Anche la demenza non è in grado di sopprimere tutte le funzioni legate alla creatività, anzi in alcune forme libera capacità artistiche sbalorditive in persone che prima non avevano mai avuto nulla a che fare con l’arte. Ciò ha fornito importanti indizi sulle zone del cervello dove hanno sede le abilità creative.

Consigli pratici da cui partire per approcciare alla creatività secondo Jane McAdam Freud.

“Non è importante quello che fai, quanto tirar fuori ciò che hai dentro. Puoi anche strizzare il tubetto di tempera su un foglio e poi piegarlo. Fai una macchia di colore accidentale, poi guardala e chiediti cosa potrebbe essere. Anche se non sai disegnare, hai fatto un'immagine e puoi interrogarla. L'arte riguarda l'interrogare ciò che hai fatto tanto quanto il farlo”.

Dipingere all'aperto

Le persone inferme potrebbero disegnare una scena di qualsiasi cosa piacesse quand'erano attive. O, al contrario, stare all'aria aperta e dipingere la quiete della campagna. Anche se in modo passivo, saranno ancora impegnate in un'attività. 

Bodypainting

Fare bodypainting è come fare un autoritratto, perché devi guardarti allo specchio. Mentre lo fai hai la compagnia del tuo riflesso. Penso che sarebbe ottimo per le persone che hanno perso il compagno. Devi iniziare a fare conoscenza con te stesso di nuovo, come persona sola, instaurando così un relazione con te stesso da capo. 

Collage

E’ un modo grandioso per iniziare, puoi prendere quello che hai in testa e affermarlo, semplicemente ritagliando delle immagini e mettendole insieme, facendo una composizione. Secondo il tuo gusto personale, senza preoccuparti di disegnare. Scegli le posizioni dei ritagli, l'accostamento dei colori. 

In sintesi l’arte è aperta ad ogni persona, e chi ha meno vincoli mentali ne può usufruire con maggiore libertà. Esprimersi vuol dire comunicare se stessi agli altri, azione fondamentale per l’umanità che solo in questa capacità narrativa evolve in nuove forme di esistenza. La persona anziana vive la condizione ideale per strumentalizzare la creatività e metterla a servizio di sè e della società, basta superare le resistenze e mettere in campo quella capacità tutta umana che si chiama auto-ironia. 

copertina verdeta70

banner essere cna

banner unipol

>>> INGRANDISCI <<<

Agenzia Dire, Giungi “Gli anziani possono dare ancora un grande contributo alla comunità

Agenzia Dire, D'Andrea Pensionati ex artigiani a disposizione della comunità”

Agenzia Dire, Decaro ANCI “Nonni per la città” preziosi per trasmissione saperi ai più giovani

Festa Nazionale CNA Pensionati - Sergio Silvestrini Segretario Generale CNA

Festa Nazionale CNA Pensionati - Daniele Vaccarino Presidente Nazionale CNA

Festa Nazionale CNA Pensionati - Vinciano Luca Caricato

Spot radiofonici

BannerTIM

Sergio Silvestrini: "Problema sicurezza percepito drammaticamente soprattutto dagli anziani"

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi sapere di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca il pulsante "Cookie e Privacy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.