Semi di lino, simbolo della luce e ricchi di omega 3

Con il fusto sottile, flessuoso e le foglie graziose, di un verde morbido e riposante, si può dire che il lino (linum usatissimum) sia una pianta aristocratica, elegante, che non passa inosservata. Se a tutto questo si aggiunge che i fiori sono quasi sempre di un celeste inconfondibile, è facile capire perché abbia colpito l'immaginazione dell'uomo, fin dalla notte dei tempi. Conosciuto da almeno 5000 anni, un po' dovunque simboleggia la luce, anche se è in buona compagnia. Per esempio con la ginestra, il limone, l'ortica. Una volta il mondo vegetale aveva un fascino unico, soprannaturale. A ogni specie era riconosciuta una personalità, un carattere, un'indole. Forse del lino colpiva la voglia di stare sempre di fronte al sole, al centro della scena. Esistono piante più timide che amano l'ombra, si nascondono dietro ai cespugli, agli alberi, agli arbusti. Il lino no, fissa il sole fieramente, esibendo i suoi fiori celesti come fossero un trofeo. E così in India si credeva che l'Aurora cucisse con il lino la veste che avrebbe indossato il Sole, suo promesso sposo, il giorno della cerimonia nuziale. In Egitto le bende che fasciavano le mummie rinvenute nei sarcofagi erano per lo più di lino. Oggi è quasi introvabile, se si escludono le coltivazioni. Si usano i semi e l'olio, mentre dalla fibra si ricava un ottimo tessuto.

PROPRIETA' DEI SEMI DI LINO

I semi, allungati, piatti, sono utilizzati per le proprietà curative. Polverizzandoli si ottiene una farina di colore giallo. Spremuti a freddo danno vita un olio ugualmente utile per la salute. 

I semi di lino combattono il colesterolo cattivo. Diverse ricerche su questo argomento sono giunte alle stesse conclusioni. Lo scontro avviene all'interno dell'intestino. Le fibre neutralizzano il colesterolo e ne rendono impossibile l'assimilazione.

I semi sono lassativi, non invadenti e se messi a bagno in acqua in breve tempo ingrossano. La fibra della buccia si dilata fino al punto di creare una patina intorno al seme, morbida e vischiosa. Nell'intestino avviene la stessa cosa. I semi ingeriti si gonfiano e diventano scivolosi, 'slittano' producendosi in una specie di slalom che aiuta ad evacuare. Sono un rimedio migliore di tanti prodotti chimici che a lungo andare debilitano l'organismo e aggravano la stitichezza. É indispensabile bere molto per avere risultati soddisfacenti.

Contengono omega 3 di buona qualità. Sono degli acidi grassi necessari per restare sani e vigorosi. Fra le loro proprietà ci sono quella di contribuire a tenere sotto controllo la pressione del sangue, il funzionamento del muscolo cardiaco e un livello dei trigliceridi nella norma. Non è possibile produrli direttamente nel nostro organismo, perciò è indispensabile che vengano ingeriti con il cibo. Gli omega 3 sono contenuti soprattutto nel pesce. Purtroppo negli ultimi decenni i mari sono sempre più inquinati e l'attività della pesca a rischio. Diverse specie ittiche sono contagiate dal mercurio. Bisogna stare attenti a quello che si mangia. Un rimedio potrebbe essere quello di rivolgersi ai semi di lino.

PREPARAZIONE

Se si vuole ottenere un effetto lassativo è meglio lasciare i semi interi. Altrimenti è più utile polverizzarli, frantumarli. Si otterrà così una farina giallognola, oleosa, disseminata di scaglie di colore rosso scuro. Fare attenzione perché ingerire farina di lino vecchia è un  rischio per la salute, irrancidisce con facilità. Ci si espone a dermatiti che vanificano ogni altro possibile beneficio. Quanto al gusto non siamo davanti a un campione di bontà, ma niente paura, c'è di peggio. Per quello che riguarda la conservazione di prodotti a base di semi di lino è opportuno evitare il caldo e la luce. Usare il frigorifero.

Anche l'olio di semi di lino è utilissimo. Si ottiene per spremitura a freddo dei semi triturati.  É delicato e soffre l'esposizione alla luce e al calore, in tal caso potrebbe perdere le sue proprietà.

COME SI USANO SEMI E OLIO

Si utilizzano sempre a crudo e mai per i fritti perché oltre i 20 gradi si alterano e irrancidiscono. Vanno bene aggiunti alle insalate, alle carni bianche e alla verdura cotta.

Oltre ai semi ci sono le fibre da cui si ricavano i tessuti. Ma questa è un'altra storia.

copertina verdeta69 01

banner essere cna

banner unipol

>>> INGRANDISCI <<<

Testimonianze di "Nonni per le città" all'Assemblea Nazionale di CNA Pensionati"

Sergio Silvestrini: "Problema sicurezza percepito drammaticamente soprattutto dagli anziani"

Spot radiofonici

BannerTIM

Al via il progetto "Nonni per le città"

Festa Nazionale CNA Pensionati

TG5 ore 8. Indagine SWG per CNA Pensionati: solo un pensionato su 4 riesce a mantenere i famigliari senza difficoltà (27/08/17)

TG5 ore 00,50. Indagine SWG per CNA Pensionati: solo 1 pensionato su 4 ha una vita dignitosa (26/08/17)

TGCOM24 ore 17. Indagine SWG per CNA Pensionati: solo il 25% dei pensionati italiani riesce a vivere una vita dignitosa (26/08/17)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi sapere di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca il pulsante "Cookie e Privacy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.