PIN Inps addio, si passa allo SPID

Addio al codice identificativo personale usato da milioni di italiani per accedere al portale INPS. Dal primo ottobre, infatti, servirà lo SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale che permetterà di accedere a tutti servizi on-line della Pubblica Amministrazione in sicurezza e con maggiore privacy. Lo SPID, infatti, è una vera e propria identità digitale unica ed è stato già attivato, ad oggi, da 10 milioni di italiani.

Per favorire il passaggio di 27 milioni di PIN attivi allo SPID e per accompagnare alla sua creazione i cittadini meno avvezzi al digitale o i pensionati, però, saranno fondamentali i Patronati. Lo ha detto il Presidente dell’Inps Pasquale Tridico nel corso della conferenza stampa di questa mattina dal titolo “Il welfare con una nuova identità digitale”, alla presenza della Ministra del Lavoro e Politiche Sociali Nunzia Catalfo (in collegamento) e della Ministra per l’Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione Paola Pisano.

“Il passaggio da PIN a SPID e la sua attivazione da parte di milioni di italiani sarà un contributo fondamentale alla digitazione del Paese – ha detto Tridico – ma nel portare a termine questa operazione siamo intenzionati, come nostro costume, a non lasciare indietro nessuno: le persone più fragili o in difficoltà, i pensionati, gli anziani o coloro che non hanno dimestichezza con il digitale, saranno accompagnate. Lo faremo grazie coinvolgimento dei Patronati e con una campagna di comunicazione mirata”. “Nel periodo del Covid – ha aggiunto Tridico – ben 14 milioni di prestazioni in 5 mesi sono state intermediate da Patronati, Caf e consulenti”. Anche la Ministra Nunzia Catalfo ha parlato di un importantissimo strumento unico di accesso ai servizi della P.A. e ricordato che il Ministero del Lavoro passerà allo SPID dal 15 novembre prossimo. “Con l’identità digitale nei servizi pubblici - ha concluso la Ministra Paola Pisano - i cittadini non devono più portare pezzi di carta da un ufficio all’altro, ma potranno dimostrare da remoto chi sono. Per questo lo SPID è importante: fornisce credenziali uniche, identifica ognuno in modo certo e univoco nel mondo digitale e semplifica il lavoro alla P.A. aumentando il grado di sicurezza e diminuendo i costi”.

Cosa succede dal primo ottobre

Per gli attuali possessori di PIN il passaggio allo SPID avverrà gradualmente secondo le istruzioni fornite con la circolare Inps del 17 luglio 2020, numero 87, che prevede una  fase transitoria che si concluderà con la definitiva cessazione della validità dei PIN rilasciati dall’Istituto. Per tutti coloro che non hanno PIN e vogliono crearsi una identità digitale unica, lo SPID appunto, è possibile fare richiesta ai gestori di identità digitale ossi a gli “Identity Provider”. Essi sono aziende private accreditate da AgID (l'Agenzia del Governo per l'Italia digitale), che forniscono le identità digitali e gestiscono l’autenticazione degli utenti. I soggetti autorizzati sono: Aruba, Infocert, Intesa, Namirial, Poste, Register, Sielte, Tim o Lepida.

copertina verdeta79

banner essere cna

banner i consigli di samuele

Assemblea Nazionale 2020 - Intervista al Presidente Nazionale Giovanni Giungi

Assemblea Nazionale 2020 - Intervista al Segretario Nazionale Filippo D’Andrea

banner FormazioneMondoDigitale

DIGITAL STORYTELLING
Corsi di formazione con Fondazione Mondo Digitale

banner unipol

>>> INGRANDISCI <<<

Gli auguri di Buona Pasqua del Presidente Giovanni Giungi

Messaggio del Presidente Giovanni Giungi

Messaggio del Presidente Giovanni Giungi

Assemblea Nazionale CNA Pensionati - Ministro della Salute Roberto Speranza

Agenzia Dire, Giungi “Gli anziani possono dare ancora un grande contributo alla comunità

Agenzia Dire, D'Andrea Pensionati ex artigiani a disposizione della comunità”

Agenzia Dire, Decaro ANCI “Nonni per la città” preziosi per trasmissione saperi ai più giovani

Festa Nazionale CNA Pensionati - Sergio Silvestrini Segretario Generale CNA

Festa Nazionale CNA Pensionati - Daniele Vaccarino Presidente Nazionale CNA

Festa Nazionale CNA Pensionati - Vinciano Luca Caricato

Spot radiofonici

Sergio Silvestrini: "Problema sicurezza percepito drammaticamente soprattutto dagli anziani"

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi sapere di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca il pulsante "Cookie e Privacy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.