Un Natale da zona rossa, a casa dei nonni solo due persone con figli minori di 14 anni

Zona rossa in tutta Italia dal 24 dicembre al 6 gennaio, nei giorni festivi e prefestivi. Arancioni il 28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio

Dopo giorni di discussioni e rinvii, pareri diversi e appelli a salvare il le feste il governo ha finalmente varato il decreto Natale: l'Italia sarà rossa per tutti i festivi e prefestivi fino alla Befana, con i negozi, i bar e i ristoranti chiusi e il divieto di uscire da casa propria se non per motivi di lavoro e salute. La pandemia sta infatti rialzando la testa con un indice di contagiosità che sembrerebbe essere in risalita. Rischiare assembramenti a Natale e contagi in famiglia con le tradizionali tavolate di amici e parenti è sembrato troppo rischioso.

Si chiude, quindi, anche se sarà possibile spostarsi, senza che ci sia necessariamente un vincolo di parentela, in tutte le giornate festive e prefestive, quelle da zona rossa per intenderci. Con limitazioni di numeri però: non ci si può spostare in più di due persone, senza contare gli under 14 e i disabili o non autosufficienti.

Dalla vigilia di Natale l'Italia sarà dunque in zona rossa. E ci resterà fino al 27 e poi nuovamente dal 31 dicembre al 3 gennaio e dal 5 al 6 gennaio. Dieci giorni in tutto. Il 28, 29 e 30 dicembre e il 4 gennaio il paese sarà invece tutto in zona arancione: ci si potrà spostare liberamente all'interno dei comuni e i negozi saranno aperti. Per i bar e ristoranti se ne riparla invece il 7 gennaio. Nel provvedimento c'è anche la deroga per i piccoli comuni: durante le giornate in cui l'Italia sarà arancione ci si potrà spostare da quelli sotto i 5mila abitanti, ma ad una distanza massima di 30 chilometri e comunque non per andare nei capoluoghi di provincia. Con l'eccezione della Campania, se Vincenzo De Luca manterrà quanto promesso annunciando un'ordinanza per vietare comunque ogni spostamento.

"La situazione rimane difficile, il virus si lascia piegare ma non sconfiggere. Dobbiamo intervenire e vi assicuro che è una decisione non facile e sofferta" - ha detto Giuseppe Conte sottolineando come la stretta sia il frutto della "preoccupazione" degli scienziati per la risalita della curva.    Le misure sono contenute in un decreto legge che il Consiglio dei Ministri ha approvato dopo un lungo confronto all'interno del governo e con le Regioni. Un "punto di equilibrio – ha spiegato il presidente del Consiglio - tra la stretta da mettere in campo e le deroghe necessarie, in considerazione dell'importanza sociale e ideale che le feste" di Natale hanno per gli italiani.

La novità introdotta rispetto alla linea dei rigoristi dei giorni scorsi è la deroga per due commensali non conviventi, oltre ai minori di 14 anni, che potranno spostarsi anche con i divieti per raggiungere nelle abitazioni private familiari e parenti più stretti. Ma potranno farlo "una sola volta al giorno" e "verso una sola abitazione", ovviamente nella stressa regione. Si tratta di una deroga, ha rivendicato il presidente del Consiglio, "pensata per consentire quel minimo di socialità che si addice a questo periodo".

Per gli anziani soli dunque sarà possibile avere la compagnia, resta il consiglio di effettuare un tampone preventivo per i non conviventi specie se si ha intenzione di andare a passare il Natale pranzando con gli ove 80.

copertina verdeta 80

banner essere cna

banner i consigli di samuele

Assemblea Nazionale 2020 - Intervista al Presidente Nazionale Giovanni Giungi

Assemblea Nazionale 2020 - Intervista al Segretario Nazionale Filippo D’Andrea

banner FormazioneMondoDigitale

DIGITAL STORYTELLING
Corsi di formazione con Fondazione Mondo Digitale

banner unipol

>>> INGRANDISCI <<<

Gli auguri di Buona Pasqua del Presidente Giovanni Giungi

Messaggio del Presidente Giovanni Giungi

Messaggio del Presidente Giovanni Giungi

Assemblea Nazionale CNA Pensionati - Ministro della Salute Roberto Speranza

Agenzia Dire, Giungi “Gli anziani possono dare ancora un grande contributo alla comunità

Agenzia Dire, D'Andrea Pensionati ex artigiani a disposizione della comunità”

Agenzia Dire, Decaro ANCI “Nonni per la città” preziosi per trasmissione saperi ai più giovani

Festa Nazionale CNA Pensionati - Sergio Silvestrini Segretario Generale CNA

Festa Nazionale CNA Pensionati - Daniele Vaccarino Presidente Nazionale CNA

Festa Nazionale CNA Pensionati - Vinciano Luca Caricato

Spot radiofonici

Sergio Silvestrini: "Problema sicurezza percepito drammaticamente soprattutto dagli anziani"

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi sapere di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca il pulsante "Cookie e Privacy". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.